Pantofole Da Donna Foderate Pelose Foderate Di Colore Rosa Caldo

B00S23LB6O
Pantofole Da Donna Foderate Pelose Foderate Di Colore Rosa Caldo
  • scarpe
  • vello
  • tieni i piedi caldi e comodi.
  • queste pantofole hanno una punta chiusa e una comoda base in gommapiuma, perfette per rilassarsi nella casa al coperto.
  • pantofole interne, da casa.
  • suola flessibile in plastica.
Pantofole Da Donna Foderate Pelose Foderate Di Colore Rosa Caldo Pantofole Da Donna Foderate Pelose Foderate Di Colore Rosa Caldo

Mens Di Bostoniano Nicky Allacciato Oxford Nero

PULIZIA E CASA

Amoonyfashion Womens Peeptoe Gattini Morbidi Sandali Solidi Con Cerniera Neri

Mila Lady 2017 Nuovo Taglio Laser Perforato Slip On Flat Shoes dina1l Camel11

Un incendio sta devastando la Costa Azzurra dove in nottata più di diecimila persone sono state costrette a lasciare abitazioni, alberghi e campeggi. Nella zona di Bormes-les-Mimosas, nel dipartimento francese del Var, e in Corsica Motivo Damascato Cafepress Su Viola E Blu Infradito, Sandali Infradito Divertenti, Sandali Da Spiaggia Blu Caraibico
quattromila ettari di terreno. Impegnati nello spegnimento centinaia di vigili del fuoco arrivati anche dai dipartimenti vicini.

Una posizione che i “grillini” hanno tenuto anche questa mattina e che ricalca in tutto e per tutto quella del Partito Democratico e di Gianni  Crivello : «Si vince e si governa - ha detto l’ex candidato sindaco del centrosinistra (ed ex assessore di Doria) - Ma  Levis Mens Declan Millstone 2 Toni Sneaker Navy / Carboncino
. Che è invece quello che stanno facendo».

In particolare, le opposizioni lamentano che questa mattina siano state respinte tutte le richieste di sospensione, da quella di un’ora, appunto per esaminare i documenti, a un’altra per confrontarsi con i rappresentanti sindacali dei lavoratori di  Amiu : «È fra l’altro curioso - ha fatto notare ironicamente Crivello - che il presidente della commissione Bilancio (il forzista Guido Grillo), che oggi respinge tutte le richieste di sospensione, fosse fra quelli che ne proponeva di più quando era all’opposizione...».

Votazione storica che rende possibile la piena parificazione delle unioni omosessuali con i matrimoni eterosessuali. La cancelliera: «Per me le nozze sono tra uomo e donna»

di Elena Tebano
shadow
Steve Madden Mens Redmund Winter Boot Tan
Stivale Da Equitazione Donna Naturalizer Dev
Amoonyfashion Donna Tacco A Spillo Tacco Alto A Tacco Alto Giallo
Sprichwörter

«Matrimonio per tutti»: ci sono voluti 38 minuti di dibattito stamani al parlamento tedesco per votare la legge che apre anche alle coppie dello stesso sesso la possibilità di sposarsi. Le nozze gay arrivano a 16 anni dalla legalizzazione delle unioni civili. Sono stati 393 i voti a favore, 226 i contrari e 4 gli astenuti su 623 votanti. La cancelliera Angela Merkel ha votato no, dopo però aver lasciato libertà di voto ai membri del suo partito, la Cdu. «Per me il matrimonio è fondamentalmente un’unione fra uomo e donna, e per questo ho votato contro» ha detto. «Spero che il voto di oggi non solo promuova il rispetto delle differenze, ma porti anche più coesione sociale e pace» ha aggiunto.

Una scelta politica

L’approvazione lampo del Bundestag è arrivata dopo che lunedì a sorpresa durante un incontro organizzato dal magazine «Brigitte» la cancelliera si era detta a favore del matrimonio egualitario: una dichiarazione letta come un tentativo di togliere terreno a verdi e socialdemocratici che, in vista delle elezioni del 24 settembre, avevano affermato di non voler firmare nessun accordo di governo che non prevedesse le nozze gay. Nei giorni scorsi verdi, Spd e Linke (il partito di estrema sinistra) hanno così rilanciato, approvando in Commissione per gli affari giuridici del Bundestag il via libera all’esame in aula del disegno di legge sul «matrimonio per tutti» bloccato in commissione dal 25 settembre 2015. Una mossa che ha spiazzato Merkel: la cancelliera li ha accusati di aver imposto una forzatura «non necessaria» su un tema che richiedeva una discussione più approfondita.

L’adozione

Fino alla campagna elettorale del 2013 Merkel aveva affermato di essere contraria al matrimonio gay «per il bene dei bambini». Oggi ha spiegato che non è stata la questione adozione a determinare il suo voto contrario, di aver cambiato idea negli anni e di essere giunta alla conclusione che per le coppie dello stesso sesso «dovrebbe essere possibile la piena adozione», cioè congiunta. Oggi in Germania per le coppie gay è già legale in base a due sentenze della Corte costituzionale l’adozione co-parentale (quella che viene comunemente chiamata stepchild adoption) e l’adozione «successiva», cioè del figlio adottivo del partner.

«Insieme a Mina Welby abbiamo dichiarato dall’inizio di assumerci pubblicamente ogni responsabilità per ciò che abbiamo fatto. Se ci sarà, già da parte della giustizia italiana, il riconoscimento dell’esistenza di principi superiori alla legge, saremo davanti a una una conquista importante per tutti. Sono determinato a proseguire la battaglia fino a quando questo diritto non sarà affermato in modo chiaro e inequivocabile». Grazie a persone come Fabiano Antoniani e  Espadrillas Di Cotone Nero Donna Kenzo Con Tigre Nera
, che di recente hanno scelto di rendere pubblico il loro dolore e la loro scelta di ricorrere al suicidio assistito, in Italia si è riaperto il dibattito sull’eutanasia, avviato già dieci anni fa (la prima proposta di  Eutanasia Legale  fu presentata in parlamento 40 anni fa,  ndr ) da Piergiorgio Welby insieme a sua moglie Mina.

I quattro erano stati arrestati dalla Guardia di finanza all’uscita del ristorante «Manuelina» , a Recco (Genova), dove era stata passata la busta coi soldi. Secondo i militari delle fiamme gialle, coordinati dal procuratore aggiunto Vittorio Ranieri Miniati e dal sostituto Massimo Terrile, quella mazzetta era un «acconto» di una tangente più grande per agevolare la transazione che la Securpol doveva discutere l’indomani. La società aveva un debito di 20 milioni con il Fisco. Alla cena partecipò anche il commercialista genovese Stefano Quaglia che secondo gli inquirenti era il «facilitatore» dell’operazione, e che venne solo denunciato. Per gli inquirenti, Pardini avrebbe assicurato ai tre consulenti che si sarebbe occupato della vicenda, facendo ottenere uno sconto notevole.

L’inchiesta era nata dopo il trasferimento della sede della Securpol a Genova  senza alcun apparente motivo : questo aveva portato gli investigatori anche ad usare intercettazioni telefoniche e ambientali per capire il motivo del trasferimento. Ciò ha permesso di scoprire le ragioni e il caso di corruzione. Dopo l’arresto Pardini era stato sospeso. Il pm ha chiesto il giudizio immediato per i quattro, mentre sono ancora al vaglio degli inquirenti altre transazioni di cui Pardini si era occupato. Per gli investigatori quello non sarebbe stato l’unico episodio corruttivo e per questo avevano sequestrato tutta la documentazione dai suoi uffici. Il direttore, originario di Livorno, era arrivato a Genova due anni fa.